15.8 C
Torino
martedì 16 Aprile 2024

Toro bloccato dalla Fiorentina. Juve stop a Napoli

Il Torino pareggia (0-0) con la Fiorentina la partita da ultima spiaggia per il treno dell’Europa. I granata hanno disputato una partita generosa, in cui hanno avuto l’handicap di giocare tutto il secondo tempo in inferiorità numerica per l’espulsione di Samuele Ricci. Sanzione decretata dall’arbitro Marchetti, che ha avuto una serata infelice ed ha contribuito a rendere elettrica una partita che non era iniziata con toni accessi, nonostante dopo pochi minuti Ilic avesse dovuto uscire dopo un intervento duro di un avversario. Anche mister Juric ha avuto il cartellino rosso per un acceso diverbio con il collega Italiano. L’allenatore della Fiorentina per tutta la partita ha dimostrato una certa animosità.

Primo tempo granata, secondo di marca viola

Sul piano del gioco è stata una partita dai due volti: il primo tempo con i granata padroni del campo, capaci di creare tre-quattro azioni da goal e di segnare con Zapata una rete spettacolare, annullata per un contrasto troppo deciso sul diretto marcatore. Il secondo tempo, forte dell’uomo in più, la viola ha tenuto il controllo del gioco, ma è stata pericolosa solo in un paio di occasioni. Quindi tutto sommato un pareggio giusto, che per la classifica premia solo la Fiorentina, in cui l’ex-Belotti ha fatto praticamente da spettatore, sovrastato da Buongiorno e sommerso di fischi dai suoi tifosi di un tempo, che a più riprese hanno contestato il presidente Cairo e il portiere Savic, per diversi errori commessi nelle partite precedenti.

La Juventus nel big match di domenica sera è uscita sconfitta (2-1) dalla trasferta a Napoli. E’ una sconfitta che brucia per l’undici di Allegri, che hanno sciupato alcune nitide occasioni da gol con Vlahovic e Cambiaso, che avrebbero potuto indirizzare diversamente l’incontro allo stadio Maradona.

I bianconeri hanno subito una rete per tempo. Nella prima frazione i parteneopei, in netta ripresa, sono passati in vantaggio con Kwaratshelia; nel secondo tempo all’81’ pareggio del redivivo Federico Chiesa, ma a 3′ dal termine sono stati superati dal gol di Raspadori, lesto a ribattere in porta la corta respinta del portiere juventino, sul rigore calciato debolmente da Osimhen. Ora il secondo posto della Juve è insidiato dal Milan, mentre il Napoli si riporta in corsa per un posto utile per l’Europa.

ARTICOLO PRECEDENTE

Toro e Juve attesi da Fiorentina e Napoli

Le squadre torinesi sono chiamate ad un duplice delicato impegno nella 27esima giornata del campionato di calcio di serie A. I granata affrontano in casa la Fiorentina; i bianconeri fanno visita al Napoli, campione d’Italia.

Il ritorno di “Gallo” Belotti

Sabato 2 marzo il Torino di mister Juric alle 20,45 scendono in campo contro i viola, che presentano all’attacco “gallo” Belotti, che per la prima volta ritorna a Torino nei panni di ex scendendo in campo da titolare. Un altro ex della partita e’ Mandragora, che due anni fa lasciò i colori granata con qualche rammarico. Rimpianto reciproco, visto che molti tifosi continuano a pensare che fu un errore non effettuare il riscatto. Il Torino ritrova il suo pilastro della difesa, Alex Buongiorno, la cui assenza ha pesato molto nelle due ultime sconfitte contro le squadre romane. In virtù di questi passi falsi il Torino sembra ormai ai margini della lotta per la conquista di un posto nella prossima Europa League. L’incontro con la Fiorentina, diretta concorrente, diventa una sorta di ultima spiaggia per i granata, che scendono in campo con la formazione tipo, con unica incertezza a centrocampo dove 4 giocatori si contendono due maglie: favoriti sono Ricci e Linetty. In attacco qualche possibilità di ballottaggio tra Sanabria e Pellegri per essere al fianco del bomber Zapata.

Bianconeri fanno visita al Napoli

Domenica 3 marzo è la volta della Juventus che fa visita al Napoli, concludendo alle 20,45 il programma domenicale della serie A, che terminerà lunedì con la sfida a Marassi tra Genoa e la lanciatissima Inter di Simone Inzaghi. Delicato il compito dei bianconeri, sia per la storica rivalità con i partenopei, sia perchè Osimhen e soci sembrano in fase di rilancio dopo il terzo avvicendamento in panchina. Per entrambe le squadre l’incontro è delicato perchè hanno necessità di fare bottino pieno. La Juve perchè ha ormai il Milan ad un punto nella lotta per la seconda piazza; il Napoli deve cercare di recuperare posizioni su Fiorentina e Roma e staccare la Lazio per ottenere un posto nella prossima Europa.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles