9.6 C
Torino
venerdì 30 Settembre 2022

Pellegrini a tutta fascia, Locatelli l’ombre vertical: l’analisi di Juventus-Genoa

Uno sguardo da vicino del posticipo tra Juventus e Genoa all'Allianz Stadium di Torino

È terminata con un successo dei padroni di casa per 2-0 il posticipo di ieri sera che vedeva opposti la Juventus e il Genoa, con i bianconeri che erano a caccia di una conferma dopo la vittoria di Salerno nella giornata precedente. Ed è proprio dal concetto di conferma da cui Madama riparte.

Massimiliano Allegri riparte dal 4-2-3-1 e dagli stessi 11 che hanno espugnato il campo della Salernitana. Nell’assetto tattico proposto dai padroni di casa salta subito all’occhio il lavoro degli esterni bassi; Cuadrado sulla destra e Pellegrini sulla corsia mancina forniscono sia dalle prime battute una spinta costante che consente ai padroni di casa di guadagnare metri già dai primi minuti di gara. La Juventus, soprattutto grazie alla prova fornita dal numero terzino scuola Roma (alla seconda presenza da titolare consecutiva), si posiziona nella metà campo avversaria e prende da subito il dominio del gioco.

Pressing alto e verticalità

Bianconeri molto aggressivi anche nella fase di non possesso; posizionati con un 4-4-1-1 e con Morata ultimo uomo dietro la linea della palla, i padroni di casa impostano il match con l’obiettivo di recuperare palla molto alti togliendo ai grifoni tutte le linee di passaggio. Ciò è stato reso possibile dall’ottima prova della coppia di centrocampo formata da Bentancur e Locatelli.

Soprattutto quest’ ultimo, migliore in campo per distacco, fornisce una prestazione “totale”. Lotta, pressa, imposta e rifinisce, e porta con se una caratteristica che lo differenzia da tutti i suoi compagni di reparto: la verticalità. Con le sue imbucate alle spalle dei difensori e la sua grande capacità di saper usare entrambe i piedi, a piccoli passi sta prendendo per mano la mediana bianconera.

Juventus Genoa: Locatelli arretra per impostare l'azione, mentre in alto a sinistra Pellegrini è pronto a ricevere palla e scattare in avanti sulla fascia
Locatelli arretra per impostare l’azione, mentre in alto a sinistra Pellegrini è pronto a ricevere palla e scattare in avanti sulla fascia

Focus: l’asse Pellegrini-Locatelli

Live motive della gara dello Stadium è stata la posizione di Locatelli nella fase di costruzione. Il centrocampista della Juventus si è spesso abbassato in mezzo tra Chiellini e de Ligt per iniziare l’azione, agevolato anche dalla corsa in avanti di Bentancur che gli creava spazio portando via il primo pressing del Genoa.

L’arretramento di Locatelli portava l’alzata in avanti degli esterni bassi. Soprattutto il lato sinistro è stata la zona in cui i bianconeri hanno attaccato maggiormente nel primo tempo, e lo spostamento in avanti di Pellegrini ha consentito di portare un altro uomo nella metà campo avversaria per riempirla maggiormente in fase offensiva.

Nella proposta, la Juventus ha fatto dei passi in avanti, anche se la mole di occasioni create avrebbe potuto portare a un bottino ben più corposo. Tuttavia, se la percentuale realizzativa può fare storcere il naso, nella fredda serata di Torino c’è tempo e spazio per una giocata che scalda i cuori degli appassionati bianconeri: il controllo orientato e il sinistro di Dybala all’angolo opposto per il 2-0 è una ‘Joya’ per gli occhi.

Il numero 10 bianconero al secondo gol consecutivo rappresenta il leader tecnico della squadra, e a questo punto la firma sul rinnovo del contratto, non potrebbe che essere la scelta più giusta per tutti.

La Juventus vince, crea, a tratti diverte e continua la rincorsa per un posto Champions.

Christian Licciardi

Christian Licciardi
Christian Licciardi
Classe 1992, aspirante giornalista laureato in Scienze della Comunicazione. Fin da piccolo coltivo il sogno di diventare redattore sportivo. Ho collaborato con due testate giornalistiche che mi hanno permesso di trattare di Juventus e di realizzare interviste a celebri personaggi del mondo del calcio. Vorrei che la mia più grande passione si trasformasse nel mio lavoro.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles