14 C
Torino
domenica 25 Settembre 2022

Quando la professione sanitaria è un lavoro di squadra: il Cus Rugby Torino collabora con l’Asl per formare il personale

"Dal Team Building allo Sviluppo Professionale" è il nome del progetto dedicato al personale di coordinamento sanitario dell’ASL Città di Torino

Venerdì 29 aprile 2022, alle ore 12:30, presso l’Impianto Angelo Albonico (Cus Torino Rugby) in Strada del Barocchio 27 a Grugliasco (TO) si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del Progetto “Dal Team Building allo Sviluppo Professionale” rivolto al personale di coordinamento sanitario dell’ASL Città di Torino.

Un percorso di crescita, nato dall’analisi dei bisogni formativi relativi all’anno 2021, da cui emerge la necessità di favorire una sinergia comunicativa e motivazionale tra i coordinatori sanitari e il personale, con l’obiettivo di non considerare solo il proprio setting operativo adottando situazioni standardizzate, ma di sentirsi partecipi di una “squadra” nell’ottica di una cultura di condivisione, favorendo il “prendersi cura di chi cura” cioè del professionista infermiere.

Carlo Picco: “Occasione unica per accompagnare il cambiamento organizzativo all’interno dell’ASL”

All’evento sono intervenuti Carlo Picco, Direttore Generale dell’ASL Città di Torino, Riccardo D’Elicio, Presidente Centro Universitario Sportivo Torinese, Fabiano Zanchi, Responsabile DIPSA Direzione Professioni Sanitarie e Lucas D’Angelo, Head Coach del Cus Torino. “Un’occasione per valorizzare e sviluppare le competenze – afferma Carlo Picco, Direttore Generale dell’ASL Città di Torino – che accompagna i professionisti sanitari nel cambiamento organizzativo grazie al supporto di un team leader“.

È un onore collaborare con l’ASL Città di Torino – dichiara Riccardo D’Elicio, Presidente del Centro Universitario Sportivo Torinese – Il binomio sport e salute è ormai da anni uno degli obiettivi principali del CUS Torino e, grazie all’accordo con l’ASL, tutto questo si sta concretizzando. L’utilizzo dell’attività fisica come prevenzione e farmaco a costo zero, il benessere dei dipendenti sono fattori strettamente legati alla programmazione di questi team building, seguiti e organizzati dai tecnici nazionali della nostra squadra maschile di serie A di rugby. Affiancare quindi queste due realtà è sicuramente un valore aggiunto per il sistema sportivo universitario torinese che rappresento”.

Cus Rugby Torino
Cus Rugby Torino (Foto Mario Sofia)

Lucas D’Angelo, il coach di rugby che formerà il personale dell’ASL

L’attività di coaching attraverso il gioco di squadra, è tenuta da Lucas D’Angelo Direttore Tecnico e Capo Allenatore del Cus Torino Rugby. Nato a Rosario (Argentina) il 10 gennaio 1977, Lucas ha giocato per 19 anni nel Jockey Club Rosario (in cui allenava anche suo papà Josè) con cui nel 1997 ha vinto lo scudetto argentino e nel 1998 il titolo nazionale con l’Under 21. Nel 2001-2002 è arrivato in Italia al Cus Genova di serie B, poi è andato al Recco (B) ed ha vinto il campionato. Ha disputato poi una stagione all’Asti in serie B, due anni al Rugby Roma in A (nel secondo ha perso la finale tricolore) e ancora altre tre ad Asti, che si sono concluse con il salto in A2.

Nel Centro Universitario Sportivo torinese ha militato per quattro anni come giocatore e tecnico dei trequarti. In carriera è stato un giocatore polivalente facendo il flanker, il mediano d’apertura, il secondo centro, l’ala e l’estremo. La squadra è salita dalla serie C alla serie A. Successivamente Lucas D’Angelo si è accasato all’Alessandria Rugby per due stagioni militando in serie C, svolgendo il compito di direttore tecnico, allenatore della prima squadra e giocatore.

Il miracolo sportivo del Cus Rugby Torino

Va inoltre sottolineato che nella stagione in corso coach D’Angelo e la squadra, che milita in Serie A (serie cadetta del rugby professionistico italiano), sono stati capaci di realizzare un capolavoro sportivo: attualmente sono in vetta al Girone 1 a quota 72 punti, score frutto di 15 vittorie in altrettanti incontri. Nel 2021/22 i colossi del Cus non hanno mai assaporato la sconfitta. Nell’ultima gara a disposizione, prevista domenica 1 maggio, incontreranno il Biella Rugby Club, secondo in classifica: nel caso in cui vincessero sarebbero sicuri di raggiungere il primo posto e di disputare il playoff promozione contro le squadre vincenti degli altri due gironi. Inoltre nel caso in cui vincessero la fase finale del torneo tornerebbero a disputare il campionato di massima serie (La Top 10) dopo ben 62 anni, ovvero dalla lontana stagione 1959/60.

Carlo Saccomando
Carlo Saccomando
Classe 1981, giornalista pubblicista. Poco dopo gli studi ha intrapreso la carriera teatrale partecipando a spettacoli diretti da registi di caratura internazionale come Gian Carlo Menotti, fondatore del "Festival dei Due Mondi" di Spoleto, Lucio Dalla, Renzo Sicco e Michał Znaniecki. Da sempre appassionato di sport lo racconta con passione e un pizzico di ironia. Attualmente dirige il quotidiano "Il Valore Italiano".

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles