13.9 C
Torino
giovedì 29 Settembre 2022

Cinque mesi per una visita rinnovo patente, ma per la Giunta Cirio va tutto bene

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato Stampa a firma Silvio Magliano , Presidente Gruppo Consiliare Moderati, Consiglio Regionale del Piemonte, che denuncia le lungaggini per quei cittadini che si trovano a dover rinnovare la patente, tempi biblici per ottenere la visita medica, rispetto ai tempi Pre Covid.

Una situazione ingestibile, giacché moltissimi cittadini non hanno nemmeno ancora ricevuto risposta alle proprie richieste di prenotazione, ricordiamo che la stessa può avvenire solo più via email. Per questa ragione ieri a Palazzo Lascaris il Question Time sui ritardi nelle prenotazioni delle visite mediche per il rinnovo della patente a Torino e a Collegno. Risposte però non soddisfacenti

Comunicato Stampa: Cinque mesi per una visita rinnovo patente, ma per la Giunta Cirio va tutto bene

Cinque mesi per una visita rinnovo patente, ma per la Giunta Cirio va tutto bene
Appena discusso a Palazzo Lascaris il mio Question Time sui ritardi nelle prenotazioni delle visite mediche per il rinnovo della patente a Torino e a Collegno: l’Assessore Icardi prova a ridimensionare un problema grave, parlando di lievi ritardi rispetto ai tempi pre-COVID. Ma la realtà è molto diversa, ci sono utenti che non hanno mai ricevuto una risposta alle proprie richieste di prenotazione o che si vedono rimandati a tempi biblici, nell’ordine dei cinque mesi e più. Che il sistema di prenotazione via email non funzioni in maniera efficiente è un fatto evidente: eppure, non una parola ci è stata riferita sui tempi previsti per la riapertura degli sportelli.

Prenotazione degli esami medici per il rinnovo delle patenti a Torino e a Collegno: sappiamo che ci sono utenti che da mesi attendono una risposta e altri la cui visita è stata fissata a settembre e oltre, ma per la Giunta i ritardi rispetto ai tempi pre-pandemia sono minimi. Questa la risposta che mi sono sentito dare, poco fa, discutendo a Palazzo Lascaris il mio Question Time sull’argomento: una Giunta attentissima a difendere d’ufficio l’operato svolto (e talvolta non svolto) dalle Commissioni Mediche Locali di Torino e di Collegno nega di fatto che il disservizio ci sia.

Chissà che cosa ne pensano coloro che, dovendo rinnovare il documento di guida per questioni anagrafiche, mediche o per una revisione della patente (guida in stato di ebbrezza o altre ragioni) si trovano di fatto a non poter guidare. Ci saremmo aspettati informazioni sulle misure prese per ridurre i ritardi e dunque i disagi. Né la Giunta ha creduto di dover comunicare una data, anche indicativa, di riapertura degli sportelli, più che mai necessaria dal momento che la modalità di prenotazione via email ha dimostrato di non funzionare. 

Da quando gli sportelli in presenza sono stati sostituiti, causa pandemia, dal servizio via email, i tempi per coloro che devono sostenere la visita per il rinnovo del documento di guida sono diventati eterni: diversi cittadini attendono ancora una risposta dalla CML di Torino di via Farinelli 25; altri utenti si sono visti fissare dalla CML di Collegno in via Martiri XXX Aprile 30 un appuntamento a distanza di cinque mesi (prime disponibilità a settembre).

NUMERI Nel 2019 gli accessi presso la CML sono stati 9.580, nel 2020 sono stati 6.998, nei primi mesi del 2021 sono stati 3.540.


Erica Venditti
Erica Venditti
Erica Venditti, Classe 1981, giornalista pubblicista dal 2015. Ho conseguito in aprile 2012 il titolo di Dottore di Ricerca in Ricerca Sociale Comparata presso l’Università degli studi di Torino. Sono confondatrice del sito internet www.pensionipertutti.it sul quale mi occupo quotidianamente di previdenza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles