15.2 C
Torino
giovedì 18 Agosto 2022

Certificato di esenzione vaccinale: dal 1° marzo sarà valido solo quello digitale

Chi ha un certificato di esenzione vaccinale cartaceo ha tempo fino a fine febbraio per convertirlo in formato digitale

In base alla normativa nazionale, il certificato di esenzione vaccinale a partire dal 1 marzo sarà valido solo se emesso in formato digitale sull’apposito sistema nazionale Tessera Sanitaria.

Chi è quindi in possesso di un certificato di esenzione vaccinale cartaceo ha tempo fino al 28 febbraio per convertirlo in digitale: questo documento, come già previsto per il Green Pass, riporterà solo alcuni dati del paziente / cittadino ed un QR code.

Coloro che hanno la necessità di ottenere o rinnovare il certificato di esenzione vaccinale, che a partire dal 7 di febbraio sarà quindi solo digitale, possono rivolgersi già dai prossimi giorni, al proprio medico di famiglia o alla propria Asl di competenza, che alla luce delle stato di salute del paziente valuteranno la presenza dei requisiti per rilasciare l’esenzione.

Certificazione di esenzione vaccinale: come funziona

Hanno diritto al certificato di esenzione vaccinale tutti coloro che presentano specifiche condizioni cliniche tali da non poter ricevere la vaccinazione e che hanno presentato una certificazione medica idonea.

La certificazione di esenzione vaccinale può essere utilizzata per accedere dove è richiesto un green pass e ha validità solo in Italia.

Proprio come come il Green Pass chi mostra il certificato di esenzione digitale ad un verificatore, come determina la legge sulla Privacy, non comunicherà se si tratta di certificazione di esenzione o di certificazione verde per avvenuta vaccinazione o guarigione o esito negativo di test anti Covid-19.

Dopo la scannerizzazione si potranno desumere solo informazioni relative all’autenticità, alla validità e alla durata della certificazione ma nulla sulla salute della persona.

Possono attestare l’esenzione dalla vaccinazione anti Covid-19 i medici vaccinatori dei servizi vaccinali delle Aziende e degli Enti dei Servizi sanitari regionali, il medico di medicina generale o pediatra di libera scelta dell’assistito, i medici USMAF o i medici SASN, che operano nell’ambito della campagna di vaccinazione anti-SARS-CoV-2 nazionale.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles