18.2 C
Torino
mercoledì 10 Agosto 2022

L’albero di Piazza Vittorio: si “accendono” le polemiche

Ieri 8 dicembre è stato acceso l'albero di Natale in piazza Vittorio. Già da qualche giorno sono nate polemiche per il suo aspetto ma le risposte non si sono fatte attendere

Ieri sera è stato inaugurato il tradizionale albero di Natale, quest’anno spostato da Piazza Castello a Piazza Vittorio. L’albero fa parte del progetto di decorazione natalizia che la giunta Lo Russo ha battezzato “Natale di Luce”.

L’illuminazione pensata per le feste parte da piazza Carlo Felice, dove sono stati addobbati gli alberi e la fontana del giardino Sambuy; prosegue poi con luci su Palazzo Reale e si conclude appunto in piazza Vittorio. L’albero è stato acceso alle 18:30 dando ufficialmente il via al clima natalizio che proseguirà fino al 9 gennaio.

L’albero e il sistema di luci

Sulla facciata del Palazzo Reale vengono proiettati simboli del Natale, avendo come sottofondo musiche tratte dallo “Schiaccianoci” di Tchaikovsky. La cosa curiosa è che si crea così un ideale dialogo musicale con il Teatro Regio poco distante, che da sempre diffonde musica classica lungo i portici dell’entrata.

Lungo il corpo conico dell’albero, invece, oltre a giochi di luce vengono proiettati anche brevi messaggi dei cittadini. L’idea è quella di riprendere in formato digitale la titpica abitudine di lasciare bigliettini appesi all’albero.

Un’iniziativa carica di buona intenzioni ma che tuttavia non ha avuto l’approvazione di tutti i cittadini. Già da qualche giorno erano nate polemiche sull’aspetto dell’albero e sul suo costo.

Conferenza stampa per la presentazione di “Natale di luce” (facebook Stefano Lo Russo)

Le polemiche sull’albero

Da spento, a detta di molti cittadini, l’albero sembra uno “zerbino verticale”, essendo fatto di materiale sintetico. Il colore stesso non sembra piacere, dato che il suo verde spento gli ha fatto guadagnare l’appellativo di “broccolo”. Tuttavia l’albero non convince neanche illuminato, perché la sua divisione in rombi gli ha procurato l’ennesimo nomignolo, e cioè “arlecchino”.

Fabrizio Ricca, consigliere comunale di Torino esponente della Lega, ha commentato con “un albero di Natale così brutto non si era mai visto. Non che quello dell’anno scorso fosse migliore – dice – ma qui stiamo raggiungendo vette notevoli di grottesco”.

Le polemiche riguardano anche e soprattutto il suo costo, che ammonta a 91.500 euro. Si punta il dito contro la giunta Lo Russo, e le accuse nascono anche in virtù dei disagi generati dalla nevicata di ieri; secondo molti cittadini, infatti, le misure per la manutenzione delle strade non sono state adeguate. Ma accanto alle polemiche non si sono fatte attendere le risposte alle stesse.

La risposta alle polemiche

Più di una persona, in primis l’ex assessore Antonino Iaria, ha fatto notare che l’albero è stato scelto durante la gestione 5 Stelle e tramite collaborazione con la Fondazione per la Cultura. Una sceltra, tra l’altro, dovuta al fatto che sono pervenute poche proposte alla manifestazione di interesse.

Iaria chiude il suo messaggio di risposta dichiarando che “se non vedete articoli, tipo Spelacchio, è solo perché i giornali non hanno approfondito l’argomento. Quindi oggi regalo l’ennesimo luogo comune per tutti per poter dire ancora una volta ‘colpa dei 5 Stelle’ ”.

Dunque la colpa di tutto ciò sarebbe da imputare alla giunta Appendino, se non addirittura a una scarsa partecipazione alla faccenda. Tutta la questione potrebbe essere presa come un’insegnamento, perché da sempre il primo problema della politica è la scarsa attenzione che le si dà, preferendo darla alle polemiche.

Danilo D'Acunto
Danilo D'Acunto
Dopo una formazione classica ho proseguito gli studi specializzandomi con lode in Archeologia e Storia dell'Arte Antica presso l'università Federico II di Napoli. Da anni mi occupo di divulgazione e promozione culturale guardando con interesse tutti i campi del settore, dalla letteratura all'enogastronomia, passando per arte, storia e fumetto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles