9.6 C
Torino
venerdì 30 Settembre 2022

Torino si candida come “Città climaticamente Neutra” per il 2030

La città di Torino si è proposta ad una call europea per diventare una delle 100 città impegnate a diminuire le emissioni entro il 2030

La Città di Torino si candida alla call europea “100 Climate-neutral Cities by 2030” con l’obiettivo di diventare una città climaticamente neutra alla fine di questo decennio.

La Giunta comunale lo ha deciso oggi dopo la proposta giunta dall’assessora alla Transizione Ecologica e Digitale e alle Politiche per l’Ambiente Chiara Foglietta.

La call andrà a selezionare le 100 città europee che si impegneranno a diminuire significativamente le emissioni entro il 2030 e che nel contempo saranno di esempio per le altre città che dovranno raggiungere l’obiettivo entro il 2050.

In questa prima fase la candidatura prevede la compilazione di un questionario che descrive la situazione attuale della Città a livello di emissione di gas serra e le misure adottate per contrastarle in campo energetico, nei rifiuti, nel trasporto e in ambito smart city.

Nella presentazione verranno utilizzati i risultati dell’ultimo inventario delle emissioni di CO2 riferito al 2019, documento che nelle prossime settimane sarà approvato dalla Giunta Comunale nell’ambito del terzo rapporto di monitoraggio del TAPE – Turin Action Plan for Energy.

La sfida ambiziosa di Torino: essere una delle 100 città a impatto 0

Una sfida ambiziosa (e forse anche difficile) quella di Torino di entrare nella lista delle cento città europee che si candidano a essere a impatto climatico 0 entro il 2030. Ma su cui l’Amministrazione punta, essendo la transizione ecologica uno dei principali obiettivi che si è posta sin dal suo insediamento lo scorso ottobre.

“Questa candidatura fa parte delle azioni concrete che la Città intende mettere in campo nell’ottica della transizione ecologica: vogliamo impegnarci con forza e convinzione e svolgere azioni per la salvaguardia dell’ambiente che ci facciano fare un salto sostanzioso in questo decennio” ha commentato l’assessora Chiara Foglietta.

Rossella Carluccio
Rossella Carluccio
Classe 1983. Ha iniziato con il giornalismo locale nel 2005 lavorando prima per “Il Risveglio” e poi per “Il Canavese”. Dal 2009 è giornalista pubblicista. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione inizia un’avventura lavorativa nel mondo del digital marketing ma senza dimenticare la sua prima passione, la scrittura. Unisce questi due universi e diventa copywriter. Dal 2021 ritorna a vestire i panni della giornalista.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles