12 C
Torino
martedì 27 Settembre 2022

Operazione Meet Up: sgominata una rete di utenti che scambiava materiale pedopornografico

La Polizia Postale ha scoperto che su una nota piattaforma di messaggistica una rete di utenti che si scambiavano materiale pedopornografico. Indagate 26 persone, migliaia di files sequestrati e 3 arresti

Una complessa operazione di contrasto alla pedopornografia online quella svolta dagli investigatori del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Torino che ha permesso di sgominare una rete di utenti italiani che utilizzava una nota piattaforma di messaggistica per scambiare materiale pedopornografico.

All’interno dell’operazione “Meet Up” sono stati indagati 26 soggetti con l’accusa di detenzione e diffusione di materiale pedopornografico realizzato mediante sfruttamento di minori. Dopo le opportune perquisizioni emesse dal Gruppo Criminalità Organizzata e Reati Informatici dell’A.G. di Torino ed il ritrovamento di copioso materiale pedopornografico sono scattati 3 arresti in Piemonte, Campania e Puglia.

I tre arrestati sono un sacerdote della Diocesi di Benevento, un tecnico informatico di trentasette anni residente in Piemonte e il giovane creatore del canale a pagamento, quest’ultimo un ragazzo appena maggiorenne residente in Puglia era già indagato nei primi accertamenti dell’operazione.

La Polizia ha inoltre sequestrato migliaia di files. Il materiale illegale era altamente diversificato per categorie e conteneva anche contenuti raccapriccianti, ritraenti vere e proprie violenze sessuali a danno soprattutto di neonati.

L’attività, diretta dalla Procura di Torino e coordinata dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni – Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia Online, ha riguardato tutto il territorio nazionale, impegnando nelle operazioni di perquisizione 11 Compartimenti degli Uffici di Specialità della Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto.

L’operazione investigativa “Meet Up” è partita a febbraio 2021 dalla Polizia Postale di Torino

Ci sono voluti molti mesi per arrivare al fondo di questa delicata e torbida operazione finalizzata a contrastare la diffusione di materiale pedopornografico in rete.

L’attività investigativa undercover condotta dalla Postale del Capoluogo piemontese è partita già nel mese di febbraio 2021. I poliziotti avevano attivato un servizio di monitoraggio su una piattaforma di messaggistica che vanta garanzie di ampio anonimato per gli utilizzatori. L’operazione si è poi concentrata su alcuni canali aperti, frequentati prevalentemente da utenti italiani.

Per effettuare tale attività è stato necessario un lungo lavoro preparatorio da parte della Polizia Postale: gli agenti hanno dovuto costruire un rapporto di fiducia con gli interlocutori che di volta in volta si mostravano interessati allo scambio di materiale assumendo, per essere ancora più credibili, le perfette vesti dei loro target ricercati.

Tutto questo ha permesso di ricavare gli elementi utili per proseguire le indagini. Dopodiché sono state verificate le tracce informatiche lasciate in rete dagli utenti e questo ha portato alla loro identificazione e alla conseguente perquisizione.

Oggetto di particolare interesse nell’operazione di indagine è stato un canale in rete chiuso, pubblicizzato dal promotore, in cui veniva divulgato materiale pedopornografico. Gli utenti potevano accedervi ed iscriversi solamente previo pagamento di una somma di denaro.

Rossella Carluccio
Rossella Carluccio
Classe 1983. Ha iniziato con il giornalismo locale nel 2005 lavorando prima per “Il Risveglio” e poi per “Il Canavese”. Dal 2009 è giornalista pubblicista. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione inizia un’avventura lavorativa nel mondo del digital marketing ma senza dimenticare la sua prima passione, la scrittura. Unisce questi due universi e diventa copywriter. Dal 2021 ritorna a vestire i panni della giornalista.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles