9.6 C
Torino
venerdì 30 Settembre 2022

Domani saranno abbattuti tre alberi ‘compromessi’ nel giardino di corso Lanza

È stata disposta la misura in quanto nel terreno è stata riscontrata la presenza di funghi agenti di marciume radicale che hanno già aggredito significativamente i tre alberi, che rischiano di cadere da un momento all'altro. Verranno sostituiti con 4 platani provenienti dal vivaio comunale

È stato programmato per domani l’abbattimento di tre alberi compromessi nel giardino di corso Lanza angolo via Curreno. Nella fattispecie si tratta di tre Sterculie, alberi tropicali della famiglia delle Malvacee. In loro sostituzione saranno a breve messi a dimora quattro platani provenienti dal vivaio comunale. 

In seguito allo schianto di un albero avvenuto lo scorso novembre nell’area, sono stati eseguiti controlli approfonditi sulle quattro piante contigue della stessa specie (Sterculia). Gli esiti hanno portato alla decisione di abbatterne altre tre come misura preventiva. È infatti fortemente probabile la diffusa presenza nel terreno di funghi agenti di marciume radicale, che hanno già significativamente aggredito i tre alberi e portato i tecnici comunali a considerare troppo alto il pericolo di un loro schianto, con il rischio di provocare danni a persone o cose.

La gestione degli alberi in ambito urbano deve infatti continuamente contemperare la salvaguardia del patrimonio arboreo cittadino con il mantenimento al livello più basso possibile del rischio che schianti di alberi, o di parti di essi, possano provocare danni alla cittadinanza. Per questo motivo tutte le alberate cittadine sono sottoposte – con periodicità differenti a seconda di specie, localizzazione ed età – ad interventi di potatura con modalità rispettose della fisiologia degli alberi e a controlli di stabilità, volti a verificarne lo stato di salute e la loro eventuale propensione al cedimento. In questo modo si opera per mantenere un patrimonio arboreo il più possibile in salute e con un livello di sicurezza sufficientemente elevato per la cittadinanza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles