1.5 C
Torino
sabato 3 Dicembre 2022

Aperta inchiesta sul 18enne di Sauze d’Oulx morto dopo un incidente in auto

Il giovane era stato ricoverato negli ospedali di Susa e Rivoli. La morte a causa di un'emorragia addominale è giunta a 48 ore dall'incidente

Se c’è stato o meno un errore medico e quindi un omicidio colposo in merito alla morte di Mathias Monnier, il 18enne di Sauze d’Oulx deceduto la scorsa settimana 48 ore dopo un incidente stradale, lo stabilirà la Procura.

Il giovane nella notte tra sabato 22 e domenica 23 gennaio aveva avuto un incidente d’auto dopo che aveva passato la serata con degli amici: la sua automobile si era ribaltata sul sentiero carrabile che dal piazzale giunge alla partenza delle piste di Prariond in frazione Tachier nella località di Sauze d’Oulx.

Ma il ragazzo era rimasto “illeso” dall’incidente tanto che era ritornato a casa a piedi asserendo, una volta giunto dalla sua famiglia, di stare bene. La domenica mattina però, ha iniziato a lamentare fortissimi dolore all’addome e ai reni ed il padre ha deciso di portarlo subito all’ospedale di Susa.

I medici del nosocomio in Val Susa però, hanno deciso poi di trasportare il giovane all’ospedale di Rivoli in provincia di Torino: dopo aver fatto una Tac al cranio e poi una radiografia al torace al 18enne i medici hanno iniziato a parlare di “condizioni gravi e critiche”. Ma nulla faceva presagire la tragedia che sarebbe giunta da lì a poco.

Il giorno dopo, lunedì 24 gennaio, a 48 ore dall’incidente, Mathias Monnier è morto.

L’autopsia ha stabilito che il ragazzo è mancato a causa di una grave emorragia addominale

L’autopsia sul corpo del 18enne, richiesta dopo la sua morte, ha stabilito poi in un secondo momento che a causare il decesso è stata una grave emorragia addominale. Ma questa complicazione non sarebbe stata valutata in nessuno dei due ospedali nei quali il ragazzo è stato ricoverato.

E ora la Procura ha aperto un’inchiesta per stabilire perché questa diagnosi non è stata accertata prima.

La morte di Mathias Monnier ha scosso tutta la comunità di Sauze d’Oulx, il paese dove il giovane abitava e dove con la famiglia gestiva l’Hotel Martin. Il ragazzo era uno sportivo, amava il calcio, lo sci e a ricordarlo su Facebook amici, conoscenti e anche le associazioni sportive del paese di cui faceva parte.

“Siamo stati travolti da un profondissimo dolore e non possiamo fare altro che esprimere il nostro affetto e il nostro sostegno alla famiglia di Mathias. Le nostre punte guardano tutte lassù, verso di te” scrivono sui social i membri del Sci Club Sauze d’Oulx.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles